Quando non hai tempo ma non vuoi rinunciare al gusto, scegli i Broccoli Friarielli di Casa Marrazzo

Lavorazione artigianale broccoli friarielli di Casa Marrazzo
Una volta acquistato, il prodotto sarà semplicissimo da preparare: quello in olio, già condito e salato, può essere consumato velocemente, semplicemente riscaldandolo in padella

A Roma sono chiamati broccoletti, in Puglia cime di rapa e in Toscana rapini: i broccoli friarielli napoletani prendono il nome in base alla regione in cui vengono consumati. Con la salsiccia vanno a nozze, anche sulla pizza. Se poi sono quelli di Casa Marrazzo, allora il gusto è assicurato.

I broccoli friarielli di Casa Marrazzo 1934 vengono coltivati nei terreni vulcanici di Scafati, poi, una volta raggiunta la grandezza desiderata, vengono tagliati e portati in azienda.

In azienda vengono selezionate le piante migliori ed accuratamente lavate, in modo da eliminare tutte le tracce di terreno o la possibilità che vi sia qualche insetto. A questo punto il broccolo viene scottato in acqua bollente e trasferito in vasetto con l’aggiunta di olio, aglio e peperoncino. Quello al naturale, invece, viene semplicemente messo nei barattoli con la sola aggiunta di acqua.

«La cosa davvero importante – spiega il titolare Gerardo Marrazzoè che questo prodotto viene conservato con il metodo della sterilizzazione in autoclave: il ph dei broccoli è altissimo e le alte temperature di questa particolare tecnica di conservazione gli consentono di simulare il classico “broccolo scuppettiato” che tutti quanti noi realizziamo nelle nostre abitazioni».

Una volta acquistato, il prodotto sarà semplicissimo da preparare: quello in olio, già condito e salato, può essere consumato velocemente, semplicemente riscaldandolo in padella. Quello invece al naturale può essere saltato in casa (o al ristorante), aggiungendo l’olio, l’aglio e il peperoncino a piacere.

«Inutile dire che scegliere i broccoli di Casa Marrazzo è molto pratico e veloce perché facilita il lavoro di pulitura e lavaggio del fresco, che viene effettuato in azienda in modo più accurato e preciso», chiosa Marrazzo.

Leggi anche:
L’Aprilatica di Ciro Salvo è la migliore pizza regionale 2018: il “segreto” sono i broccoli di Casa Marrazzo